il primo sito non ufficiale dedicato alla Lucchese

CARRARESE - LUCCHESE 2-0

Cambiando l’ordine dei Tavan...(ti – o) il risultato cambia!!

Un Tavan..ti in meno per la Lucchese ed un Tavan..o in più per la Carrarese confezionano il risultato allo stadio (campo sportivo?) “Dei marmi”.

Peccato, perché fino a quando l’esterno rossonero non si è fatto cacciare per due falli tanto plateali, quanto inutili, la squadra di mister Lopez stava tenendo benissimo il campo, non rischiando niente, creando almeno in due circostanze palle gol e fallendone clamorosamente uno, con la palla che è stata “allontanata”, da un giocatore rossonero, sulla linea di porta. Incredibile!!

Un primo tempo ben giocato dalla Lucchese, con la Carrarese annichilita e mai in grado di portare pericoli alla porta di Albertoni.

In un campionato equilibrato nella sua mediocrità come quello attuale (vedi le batoste prese da Siena e Livorno), i singoli episodi spostano in maniera netta gli equilibri ed ecco che un primo tempo dove sovrasti, sul piano del gioco e delle occasioni, la pur brillante formazione di mister Baldini, viene annullato da un gol clamorosamente ciccato e/o da una cavolata di un singolo giocatore. Ma si sa, anche la furbizia e la cattiveria sono qualità che si comprano (e si pagano) e la Lucchese di oggi, non può permettersele.

La gara dei rossoneri, in pratica, finisce con la fine del primo tempo; si, perché si conoscono le arcinote difficoltà della squadra nel produrre (e magari realizzare…) occasioni da gol.

L’inferiorità numerica da coraggio ai padroni di casa e fa arretrare il baricentro di Espeche e compagni, ma la difesa regge benissimo. E allora serve una prodezza di qualcuno che, nel recente passato, sia stato un giocatore vero. Nessun problema, per chi ce l’ha…..e così al minuto ventuno della ripresa, Tavano inventa un eurogol che scompagina il piano di mister Lopez e porta in vantaggio i marmiferi. Un gol bellissimo, complimenti all’eterno Ciccio Tavano.

La Carrarese pigia ancora sull’acceleratore, sapendo che la Lucchese non segnerà mai. Le azioni e le occasioni aumentano e un altro eterno, Coralli, raddoppia di esterno destro toccando di giustezza un cross dal fondo.

I rossoneri hanno ancora il tempo di sbagliare un altro gol clamoroso con Russu, solo davanti al portiere. La gara finisce praticamente qui.

Un sei come voto di squadra, con sufficienze per quasi tutti; dispiace sottolineare ancora una volta il gol sbagliato da Buratto e la bruttissima prestazione di Tavanti.

Capitolo societario. Premetto che scrivo a titolo personale e, assolutamente, non mi faccio condizionare da notizie che arrivano da Colle Val D’Elsa, da Pisa, dalla Romania, dall’Inghilterra o dalla Cina.

Non sono qui per deludere le aspettative della tifoseria, ne per scrivere “verità” che nessuno conosce. Di una cosa, però, sono certo: non darò più credito a nessuno, specialmente a scatola chiusa.

Abbiamo già sentito una marea di discorsi che, più o meno, mi ricordano i discorsi di Fuozi, per bocca del Professor Scoglio, di Giuliani e Valentini e di Bacci.

Addirittura la mente mi porta ad accostare “i macchinari per lavorare l’oro” in Tanzania, con l’estrazione della bauxite di Fouziana memoria…(fu presentato come cardiochirurgo, ma finì a riparare caldaie….).

Onestamente, avrei tenuto un profilo più basso (cosa ci facevano tutti quei personaggi insieme a Grassini??)…..e mi sarei presentato alla stampa, soltanto a cose certamente fatte. Si diceva che Belardelli e “gli avvocati” parlassero già da proprietari…..

Fouzi prometteva la serie A in cinque anni, Valentini e Giuliani promettevano la serie B con lo stadio nuovo, prima, e Porta Elisa restaurato, dopo, mentre Bacci si limitò a dire di voler andare in B. Sappiamo tutti com’è andata a finire.

Tutto questo per dire che i discorsi “….’un fan farina….”.

A Lucca, purtroppo per Grassini e Lucchesi, servono i fatti e solo quelli daranno valore alle chiacchiere.

Ovviamente non accetteremo sentir parlare di debiti scoperti in ritardo o cose di cui non si conosceva l’esistenza, della serie i danni li fa sempre il Governo precedente….; c’è una due diligence e c’è tutto il tempo per valutare pro e contro.

La Lucchese società deve rifarsi una verginità e quella è la cosa più importante!!

Dire di voler andare in serie B, puntare tutto sul raggiungimento dell’eventuale risultato e magari farsi inseguire dai creditori, non porterebbe da nessuna parte.

Quando la Lucchese sarà prima in classifica e riscuoteranno tutti, dal magazziniere agli allenatori del settore giovanile, dal fornitore degli estintori all’autista del pullman, dal ristoratore al segretario, solo allora potrò cambiare idea (forse...).

Per dare tranquillità alla piazza lucchese, oltre alle vittorie, serve molto altro. Ci siamo passati, ripassati e ri-ripassati.

Avremo la possibilità, lunedì sera al Museo, di incontrare il duo Grassini-Lucchesi e non potrà essere un monologo; sognare non costa niente e piace a tutti…..l’immaginazione vola…..ma ricadere in certi errori sarebbe da coglioni e ve lo scrive uno che è stato preso per il culo, da tutte le dirigenze degli ultimi quindici anni!

Pochi discorsi, tanti fatti e…..soldi in bocca!

Giulio Castagnoli

Club Cuore Rossonero A.S.D. - Via Romana, 74-76 54012 Capannori (LU) - C.F 92038650468 P.IVA 02099850469