il primo sito non ufficiale dedicato alla Lucchese

GOZZANO - LUCCHESE 1-1

La Lucchese butta alle ortiche altri due punti e si morde le mani per una partita che, pur giocata non bene, era ormai vinta.

I rossoneri partono bene e al 6’ passano in vantaggio con Sorrentino, abile a ribadire in rete una respinta dell’estremo di casa, dopo una punizione telecomandata di Lombardo.

Tutto facile? Niente affatto. La formazione lucchese, rivista e corretta negli uomini e nel modulo, non gioca come sa e lascia il campo ai modesti avversari che, pur non creando praticamente niente, mettono vigore e si affidano a lunghi lanci dalle retrovie quasi sempre preda dei difensori di mister Favarin.

Nella ripresa i rossoneri abbassano il baricentro, passando ad un modulo “stile basket”: difesa ad oltranza e fallo sistematico.

Apro parentesi. Larbitro è stato a dir poco mediocre, con un repertorio veramente degno di spelacchiati campi di periferia (rimesse laterali invertite, punizioni invertite, punizioni mai battute dove avveniva il fallo, cartellini sventolati a caso, punizioni fischiate a casaccio e molte, clamorose, non fischiate e molto altro….) ma la Lucchese ci ha messo del suo; l’atteggiamento aggressivo dei rossoneri, talvolta, porta la squadra ad essere ostruzionistica ed una vera e propria “fabbrica del fallo” (inteso come irregolarità….). Non le abbiamo contate, ma la Lucchese ha concesso almeno una ventina di punizioni all’interno della propria tre quarti e così non va assolutamente bene.

La seconda frazione è stata una sagra del fallo; ogni trenta secondi si sentiva il noioso rumore del fischio della Sig. Maria Marotta (arbitro) tanto che, ad un certo punto, si è temuto che gli si fosse conficcato nel respiro.

Falli, falletti, falli tattici, spintoni, calci, il tutto senza creare nemmeno un’azione degna di nota in tutta la ripresa dove, non so in nome di quale graniticità difensiva (tranne la trasferta di Alessandria, la Lucchese ha sempre subito almeno una rete……), i rossoneri hanno badato soltanto a non prendere gol.

Magari, con un arbitraggio più consono ad una gara professionistica, si sarebbero visti meno calci di punizione ma, in tutta sincerità, il pari di Gozzano è più da ricercare nell’atteggiamento dei rossoneri; così come contro il Cuneo, una volta passati in vantaggio nei primi minuti, Bortolussi e compagni quasi si siedono lasciando l’iniziativa all’avversario e “picchia e mena” il gol avversario arriva. Così è stato anche oggi; il Gozzano ha meritato il pari (primo punto conquistato tra le mura amiche …..) per il semplice motivo che ha schiacciato la Lucchese nella propria area (demerito della Lucchese che si è fatta schiacciare….), ha collezionato una miriade di calci di punizione (anche dal limite dell’area, pericolosissimi), tanti calci d’angolo e ci ha creduto fino alla fine. L’espulsione di Favale all’86’ ed il rigore (netto) al 95’, sono la logica conseguenza di una partita, forse ritenuta troppo facile, non ben giocata.

Un cinque e mezzo come voto di squadra, con sufficienze piene per Mauri, Lombardo, Greselin, Sorrentino, Martinelli e De Vito.

Un’altra battaglia attende i rossoneri tra appena tre giorni.

Questa volta, però, non si può sbagliare.

Giulio Castagnoli

Club Cuore Rossonero A.S.D. - Via Romana, 74-76 54012 Capannori (LU) - C.F 92038650468 P.IVA 02099850469