il primo sito non ufficiale dedicato alla Lucchese

LUCCHESE - TUTTOCUOIO 3-1

Ricorda: la magia avrà una sua durata. All'ultimo rintocco della mezzanotte l'incantesimo finirà e tutto tornerà come prima.

Fortunatamente, nel caso della Lucchese (a differenza della povera Cenerentola), all’ultimo rintocco della mezzanotte, niente è tornato come prima. Anzi. Nessuna carrozza si è trasformata in zucca, nessuna scarpetta è stata perduta e allo scoccare delle ore 24,00 si è addirittura festeggiato, brindando.

Tra la favola di Cenerentola e la nostra Lucchese, tornata dopo 32 anni nelle mani, finalmente, lucchesi (escludendo il periodo dei campionati dilettantistici) c’è solo, come comun denominatore, l’ultimo rintocco della mezzanotte; ci sarebbe anche la scarpetta...ma in questo caso si parla di scarpette (speriamo che nessuno le perda) che, grazie alla componente lucchese della Società (soprattutto Lucchese Partecipazioni) continueranno a calcare il manto erboso del Porta Elisa, magari con nuovi stimoli.

Si chiude nel peggiore dei modi la parentesi Bacci; superfluo ricordare che il Presidente in carica ha, sicuramente, problemi più grossi da risolvere, ma il suo impegno “superficiale” era già ben evidente prima che la Procura della Repubblica chiedesse il fallimento per la Coam, basti ricordare il punto di penalizzazione per la fidejussione e l’altro, in arrivo, per contributi “volutamente” non pagati.

Ovviamente, sotto il profilo umano, siamo dispiaciuti per gli eventi della settimana e ci uniamo alla solidarietà dimostrata al Presidente dalla città di Lucca.

Nella conferenza stampa odierna (autoreferenziale, come al solito….) Bacci non abbassa la cresta, tutt’altro; tocca il fondo quando, con tono risoluto, ricorda che con lui la Lucchese non sarebbe mai fallita…..sarebbe stata messa in liquidazione e iscritta ad un campionato di Eccellenza!! Grazie al cazzo, Presidente!! Un rispetto per i tifosi pari allo zero assoluto!!Era meglio, come altre volte, se stava zitto…. Una delusione e forse l’Eccellenza è la sua categoria...e non solo calcistica… Chiusura, speriamo, col botto.

L’ultracentenaria storia rossonera, esperienze annesse, ci porta a fare una selezione geografica delle parentesi negative; genovesi, pratesi, fiorentini e “lucchesi trapiantati” (che di lucchese hanno soltanto la residenza....) vanno tenuti a debita distanza nel futuro prossimo. Troppi gli interessi extra calcistici, poca la passione per il calcio, nulla la competenza in materia; due fallimenti e mezzo, sono lì a dimostrarlo. Si apre una nuova era.

Piccoli e medi imprenditori, LUCCHESI, accomunati dalla passione per il calcio da sempre, quasi tutti tifosi rossoneri di vecchia data, sicuramente umili (nel senso positivo del termine), hanno aperto la strada a quella che, nel futuro a breve termine, sarà la nuova Società della A.S. Lucchese Libertas 1905. Un atto di fede, un atto di coraggio (condito da un pizzico di incoscienza, necessaria in questi casi...), così come nella calda estate del 2011 con la nascita dell’FC Lucca. Una Società allargata, compartecipata, con lo scopo di coinvolgere sempre più risorse (imprenditori) con quote societarie, sponsorizzazioni e quant’altro diventi utile alla causa Lucchese.  Si volta pagina.

La vittoria netta (3-1) sul Tuttocuoio, che fa seguito alla buona prestazione di Alessandria di domenica scorsa, tranquillizza la tifoseria; nonostante il tourbillon del mercato di gennaio, la squadra gioca un buon calcio e sembra non risentire assolutamente delle partenze eccellenti. Mister Galderisi, giustamente per mantenere gli equilibri dello spogliatoio, da fiducia alla vecchia guardia; dentro Maini al posto di Capuano, con Nolè spostato come quarto di sinistra, con Fanucchi De Feo e Gargiulo davanti.

La Lucchese parte forte e crea alcune occasioni importanti nei primi venticinque minuti di gioco; un colpo di testa di Fanucchi salvato sulla linea, un altro colpo di testa di Fanucchi che, clamorosamente solo, manda al lato sono le occasioni più ghiotte. Gli ospiti non stanno a guardare, ma non riescono ad impensierire il giovane Nobile che gioca nonostante un problema ad una caviglia. Al 40’ i rossoneri passano in vantaggio con Merlonghi, abile a ribattere in rete una palla sporca. Il vantaggio dura soltanto quattro minuti; un malinteso tra Dermaku e Nobile confeziona un regalo grande così agli ospiti, per il facile pari di Shekiladze; il Georgiano, ottimo giocatore, segna sempre quando incontra la Lucchese…..compriamolo!!

Nella ripresa la Lucchese parte male; stranamente confusionaria e impacciata nel far ripartire l’azione, regala occasioni a ripetizione ai nero-verdi fortunatamente non sfruttate. Nel peggior momento lucchese, arriva il gol del vantaggio di De Feo abile a trafiggere in diagonale l’estremo Nocchi. La gara si incattivisce e l’arbitro sventola quattro cartellini in poco più di un quarto d’ora. Tavanti prende il posto di Gargiulo e la sua dinamicità crea diversi grattacapo alla difesa ospite; al 40’ anche Raffini subentra prendendo il posto di De Feo e il giovane centravanti dimostra voglia e fisicità, tenendo palla e andando a procurarsi un paio di punizioni, utili per rompere la pressione (anche se minima) degli ospiti. Al 45’ Raffini si avventa su un difensore, gli sradica la sfera dai piedi e si invola verso la porta, con un avversario che lo stende a pochi metri dalla porta; il netto rigore viene trasformato con freddezza dal generoso Fanucchi, per il 3-1 finale.

Un sei più come voto di squadra, con voti più alti per Maini, Bruccini, Mingazzini e Fanucchi; buonissimi gli esordi di Tavanti e Raffini, in attesa di vedere l’altro giovane D’Auria.

Una bella giornata, dopo la bella serata di ieri. La squadra trarrà una maggiore serenità dagli ultimi sviluppi societari e il cammino della Pantera, con tutte le sue componenti, da ora in poi non potrà che essere in discesa.

Giulio Castagnoli

Club Cuore Rossonero A.S.D. - Via Romana, 74-76 54012 Capannori (LU) - C.F 92038650468 P.IVA 02099850469